Categoria: Massime

La grave insubordinazione del lavoratore

Con la sentenza n. 22796 del 9 novembre 2016 la Corte di Cassazione ha stabilito che i comportamenti di un lavoratore atti ad integrare grave insubordinazione verso i propri superiori, consistita in plurime condotte del lavoratore inosservanti di obblighi generali inerenti il rapporto di lavoro e di specifici obblighi professionali, comportanti, peraltro, un deterioramento nei … Continua a leggere… La grave insubordinazione del lavoratore

Il part-time verticale ciclico va equiparato al “full time” ai fini del calcolo dell’anzianità contributiva utile al conseguimento del diritto alla pensione

Con sentenza n. 22936 del 10 novembre 2016 la Suprema Corte ha stabilito che, ai fini del calcolo dell’anzianità contributiva utile per il conseguimento al trattamento pensionistico, la prestazione resa dai lavoratori in regime di part-time verticale ciclico deve essere equiparata a quella resa in maniera continuativa. La Suprema Corte ha affermato tale principio attraverso … Continua a leggere… Il part-time verticale ciclico va equiparato al “full time” ai fini del calcolo dell’anzianità contributiva utile al conseguimento del diritto alla pensione

L’obbligo di “repechage” del lavoratore licenziato si estende anche alle mansioni inferiori

Con sentenza n. 22798 del 9 novembre 2016 la Suprema Corte, nel pronunciarsi sulla legittimità di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo conseguente alla soppressione del posto di lavoro a seguito di riorganizzazione aziendale, ha stabilito che l’obbligo di “repechage” deve estendersi anche alle mansioni inferiori a quelle possedute dal lavoratore licenziato. La sentenza in … Continua a leggere… L’obbligo di “repechage” del lavoratore licenziato si estende anche alle mansioni inferiori

Somministrazione a termine e impugnazione

Il Tribunale di Monza, con sentenza n. 534 del 18 ottobre 2016, ha affermato che il termine di impugnazione di una pluralità di contratti di somministrazione di lavoro a tempo determinato decorre dalla scadenza dell’ultimo di essi, non potendosi pretendere dal lavoratore l’esercizio di un’azione in assenza di un interesse attuale e l’esporsi a ripercussioni … Continua a leggere… Somministrazione a termine e impugnazione

Critiche alla gestione aziendale e licenziamento

Con sentenza n. 21649 del 26 ottobre 2016, la Corte di Cassazione ha stabilito che il comportamento del lavoratore che esprime il proprio malcontento riguardo alla gestione aziendale, non configura una giusta causa di licenziamento, purché sia  attuato nei limiti della cd. “continenza”. Nella fattispecie concreta, la Corte ha rigettato il ricorso della Società considerando … Continua a leggere… Critiche alla gestione aziendale e licenziamento

Indicazioni operative sull’utilizzazione di impianti GPS ai sensi dell’art. 4, commi 1 e 2, L. n. 300/1970

Con la circolare n.2/2016, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito le indicazioni operative sull’utilizzazione di apparecchiature di localizzazione satellitare montati su autovetture aziendali, ai sensi dell’art. 4, commi 1 e 2, L. n. 300/1970, come novellato dall’art. 23 del D.Lgs. 151/2015, al fine di chiarire se questi siano o meno considerati strumenti utilizzati dal lavoratore … Continua a leggere… Indicazioni operative sull’utilizzazione di impianti GPS ai sensi dell’art. 4, commi 1 e 2, L. n. 300/1970

Ampliamento delle risorse sugli ammortizzatori sociali in deroga

Con la circolare n. 34 del 4 novembre 2016, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha fornito le prime indicazioni operative in merito all’ampliamento delle risorse sugli ammortizzatori sociali in deroga, attribuite alle Regioni ed alle provincie autonome, così come previsto dal D.Lgs. 24 settembre 2016, n. 185 recante “disposizioni integrative e correttive … Continua a leggere… Ampliamento delle risorse sugli ammortizzatori sociali in deroga

L’obbligo di repechage è a carico del datore di lavoro

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 20436 dell’11 ottobre 2016, in materia di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, ha dichiarato che il lavoratore non ha l’onere di segnalare una possibilità di ricollocazione nell’ambito dell’assetto organizzativo aziendale, in quanto l’ interpretazione opposta non è coerente con la ratio che sorregge l’art. 6 della Legge 604/66. … Continua a leggere… L’obbligo di repechage è a carico del datore di lavoro

APPLICABILITA’ DELL’ART. 2103 C.C. ANCHE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DIRIGENZIALE

Con la sentenza del 14 ottobre 2016 n. 20805, la Suprema Corte ha affermato che il lavoratore che svolge le mansioni superiori proprie del dirigente ha diritto al riconoscimento della relativa qualifica e tale diritto non può restare escluso dalla clausola contrattuale che preveda in proposito la necessità di un formale riconoscimento da parte del … Continua a leggere… APPLICABILITA’ DELL’ART. 2103 C.C. ANCHE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DIRIGENZIALE

Pagina 40 di 134« Prima...20...394041...6080...Ultima »