Archivi categoria: Massime

Somministrazione: il giudice deve verificare l’eventuale elusione dei limiti imposti dalla Direttiva 2008/104 anche in caso di intervenuta decadenza

Con sentenza n. 22861 del 21 luglio 2022, la Corte di Cassazione ha stabilito che, il fatto che nella normativa italiana non sia prevista alcuna disposizione esplicita sulla durata temporanea del lavoro tramite agenzia interinale, non impedisce di considerare tale requisito come implicito ed immanente di tale tipologia di lavoro, in conformità agli obblighi imposti … Continua la lettura di Somministrazione: il giudice deve verificare l’eventuale elusione dei limiti imposti dalla Direttiva 2008/104 anche in caso di intervenuta decadenza

Legittimo il licenziamento di un lavoratore sorpreso a lavorare presso un’azienda concorrente durante la cassa integrazione

Il Tribunale di Venezia, con sentenza n. 473 del 12 luglio 2022, ha ritenuto legittimo il licenziamento per giusta causa irrogato ad un lavoratore che durante il periodo di fruizione della cassa integrazione, era stato sorpreso dall’investigatore privato a lavorare presso un’azienda concorrente del datore di lavoro.La sentenza si conforma all’orientamento dei giudici di legittimità … Continua la lettura di Legittimo il licenziamento di un lavoratore sorpreso a lavorare presso un’azienda concorrente durante la cassa integrazione

Ai fini del trasferimento di ramo d’azienda, l’autonomia funzionale del ramo ceduto rappresenta elemento costitutivo della cessione

Con sentenza del 1 giugno 2022, il Tribunale di Lodi ha affermato che, all’interno di un esercizio commerciale dotato, nel suo complesso, di unitarietà funzionale e operativa, non integra una cessione di ramo d’azienda il trasferimento di alcuni reparti privi di autonomia e caratterizzati da fungibilità del personale.Il Giudice, nel caso di specie, ha rilevato … Continua la lettura di Ai fini del trasferimento di ramo d’azienda, l’autonomia funzionale del ramo ceduto rappresenta elemento costitutivo della cessione

Esonero dal versamento dei contributi previdenziali per le lavoratrici madri dipendenti del settore privato

L’INPS, con circolare n. 102 del 19 settembre 2022, ha fornito chiarimenti in ordine al riconoscimento dell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali in favore delle lavoratrici madri dipendenti del settore privato dopo la fruizione del congedo obbligatorio di maternità e per un periodo massimo di un anno, così come previsto dalla L. n. 234/2021 (cd. … Continua la lettura di Esonero dal versamento dei contributi previdenziali per le lavoratrici madri dipendenti del settore privato

Cambio di appalto: clausola di salvaguardia e limiti al diritto di assunzione

Con ordinanza n. 22212 del 14 luglio 2022, la Corte di Cassazione ha stabilito che la società che subentra nella gestione dell’appalto non è obbligata, a prescindere dalla clausola di salvaguardia, ad assumere il dipendente dell’azienda uscente, qualora il medesimo sia privo della necessaria attitudine professionale.In particolare, la Suprema Corte ha chiarito che, in caso … Continua la lettura di Cambio di appalto: clausola di salvaguardia e limiti al diritto di assunzione

Lo storno di dipendenti integra un atto di concorrenza sleale se finalizzato ad acquisire lo specifico know-how dell’altra impresa

Con ordinanza n. 22625 del 19 luglio 2022, la Corte di Cassazione ha stabilito che costituisce atto di concorrenza sleale l’assunzione di dipendenti altrui o la ricerca della loro collaborazione non tanto per la capacità dei medesimi, quanto per l’utilizzazione – altrimenti impossibile o vietata – delle conoscenze tecniche usate presso altra impresa, attesa l’esclusività … Continua la lettura di Lo storno di dipendenti integra un atto di concorrenza sleale se finalizzato ad acquisire lo specifico know-how dell’altra impresa

Legittimo il licenziamento anche se per la medesima condotta non era stato adottato un provvedimento espulsivo nei confronti dei colleghi

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 22115 del 13 luglio 2022, ha affermato che, qualora risulti accertato che l’inadempimento del lavoratore sia tale da compromettere irrimediabilmente il rapporto fiduciario, è irrilevante che un’analoga inadempienza commessa dall’altro dipendente sia stata diversamente valutata dal datore di lavoro, tuttavia, l’identità di situazioni può privare il provvedimento espulsivo … Continua la lettura di Legittimo il licenziamento anche se per la medesima condotta non era stato adottato un provvedimento espulsivo nei confronti dei colleghi

Legittimo il licenziamento del dipendente che rifiuta di sottoporsi alla visita medica di idoneità in vista dell’assegnazione di nuove mansioni

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 22094 del 13 luglio 2022, ha affermato che la visita medica di idoneità in vista dell’assegnazione di nuove mansioni è prescritta per legge e la richiesta di sottoposizione a visita, da parte del datore di lavoro, prima dell’assegnazione alle nuove mansioni costituisce un adempimento dovuto, cui il lavoratore … Continua la lettura di Legittimo il licenziamento del dipendente che rifiuta di sottoporsi alla visita medica di idoneità in vista dell’assegnazione di nuove mansioni

Cassa Integrazione COVID-19 e recupero delle somme erogate

Con messaggio n. 3179 del 29 agosto 2022, l’INPS ha fornito le istruzioni operative e procedurali in merito al recupero delle somme erogate a titolo di anticipo del 40% dei trattamenti di cassa integrazione guadagni ordinaria (CIGO), in deroga e dell’assegno ordinario dei Fondi di solidarietà bilaterali con causale COVID-19, prevedendo, dunque, che nell’ipotesi di … Continua la lettura di Cassa Integrazione COVID-19 e recupero delle somme erogate

Il lavoratore può agire in giudizio per il “danno differenziale” anche se non ha preventivamente chiesto l’indennizzo INAIL

Con ordinanza n. 19182 del 14 giugno 2022, la Corte di Cassazione ha affermato che, in materia di “danno differenziale” – ottenuto dalla differenza tra quanto corrisposto dall’INAIL a titolo di indennizzo per un infortunio sul lavoro o per una malattia professionale e quanto è possibile richiedere al datore di lavoro in sede civilistica – … Continua la lettura di Il lavoratore può agire in giudizio per il “danno differenziale” anche se non ha preventivamente chiesto l’indennizzo INAIL